Mixed Information Design: ecco i primi designer

La prima edizione del mentoring program su Mixed Information Design è giunta al termine. Tanti i mentori altamente competenti che hanno messo a disposizione le loro conoscenze e capacità per formare i nuovi designer del cambiamento. Ora in cantiere nuovi progetti che riguardano: Digital Humanities Design, Green&Blue, Transition Design.

Si è conclusa la prima edizione ‘sperimentale’ del mentoring program Mixed Information Design di Nuvolaverde per esplorare e individuare managerialità in funzione del business innovativo e sostenibile: designer del cambiamento in grado di gestire – con elasticità e rapidità – competenze e contesti legati al digitale e alla multicanalità. L’obiettivo è orientare queste nuove figure e definire azioni e strategie per il cambiamento

Clicca qui per scoprire i mentori (per la maggior parte docenti d’impresa) che hanno contribuito alla realizzazione del primo Mixed Information Design.

Ai mentori (per lo più docenti d’impresa) abbiamo chiesto di ‘addestrare’ i partecipanti o di trasmettere tecniche o tecnologie che richiederebbero studi e addestramento specifico. L’azione attuata è stata descrivere approfonditamente le potenzialità del proprio ambito di competenze e visioni perché i discenti possano avere piena consapevolezza delle funzioni possibili. E quindi in grado – successivamente – di attivare canali specifici con persone e strumenti adeguati e a quel punto più facilmente individuabili. O scegliere con piena consapevolezza se e quali competenze approfondire e acquisire successivamente (verticalizzazioni). I mentori, quindi, hanno delineato i confini del mondo che rappresentano ‘violando’ alcuni criteri di completezza e privilegiando sintesi e impatto visivo. Ciascuna lezione ha avuto una durata massima di quattro ore. La durata complessiva è stata di 120 ore coinvolgendo complessivamente oltre 50 discenti che si sono alternati nelle varie lezioni espressione del mondo giovanile ma anche delle imprese protagioniste dei processi e delle tecnologie di informazione e comunicazione.

Media partner protagonisti con Nuvolaverde

Mixed Information Design è il primo percorso di orientamento alla gestione dell’informazione e della comunicazione aumentata e multidimensionale che ha conta su un vero e proprio laboratorio mediatico grazie al contributo dei mediapartner. In prima file BFC Media, editore anche di Forbes Italia e BFC Tv. Nuvolaverde edita www.nuvolaverde.eu che ospiterà i canali tematici collegati ai mentoring program e il canale dedicato al Premio Areté alla Comunicazione Responsabile in Bocconi.

Partnership con BFC Media sui canali televisivi di Forbes Italia (Sky 511, TVSat61) con i programmi:

  • Green Carpet
  • Terzocanale Show
  • Siamo Jedi

Partnership in streaming https://stream24.ilsole24ore.com/serie/siamo-jedi e www.bfcvideo.com

Mediapartner: www.askanews.it, www.formicxhe.net

Produzioni speciale: Fabrica Floridi in collaborazione con Generali Italia In streaming su www.forbes.it, www.formiche.net. In onda su BFC Forbes . Speciali tv su Terzocanale Show e Siamo Jedi. Altri mediapartner: Rai per il Sociale, Velvet Media.

L’attività social (Instagram, Linkedin) è gestita in collaborazione con gli studenti del Master in Comunicazione Digitale dell’Università di Parma e con Velvet Media

Chi sono i designer di Nuvolaverde

Manager dell’aumento della realtà. Preparazione basica, generalista, multidisciplinare, operativa. Una visione d’insieme della complessità digitale funzionale all’impresa, al pubblico, nel sociale, nel culturale. Padroni della mixed, augmented, virtual ormai quasi neural… reality. ‘Supereroi’ capaci di gestire il sapere e le forme espressive più avanzate ma anche controllare il lato oscuro della forza… Autori della nuova vita physical, annettono, connettono, deframmentano e ricompongono, amalgamano le dimensioni. I designer (o vogliamo chiamarli Jedi?) sono protagonisti di questi processi, un esercito di leader – giovani ma anche non – in grado di gestire conoscenza illimitata; diffondere istruzioni per l’uso sicuro e consapevole della vita aumentata; padroneggiare la relazione persone – oggetti. Anello di congiunzione e chiave di lettura privilegiata per l’armonia tra le nostre due vite … Autodeterminazione nel tempo (reale) e nel luogo (digitale).

Questo processo si attiva attraverso l’organizzazione di mentoring program al fine di generare nuove competenze (studenti, neolaureati) o rigenerarle (professionisti, manager, imprenditori, dirigenti PA) sotto la direzione scientifica di Luciano Floridi, Professore Filosofia ed Etica dell’informazione Oxford University, professore Sociologia della Cultura e Comunicazione Università Bologna e il ruolo scientifico dei mentori d’impresa. Coordinamento scientifico e attività di informazione eventi e studi sotto la direzione del presidente di Nuvolaverde, Enzo Argante.

La visione di Luciano Floridi da Oxford University

È il design concettuale, non la logica formale, che si trova al cuore del pensiero. La conoscenza è design, e quella filosofica è l’ultima forma di progettazione concettuale. La filosofia non è nemmeno un’aspirina concettuale, una super-scienza o la manicure del linguaggio. Il suo metodo è il design concettuale, cioè l’arte di identificare e chiarire domande aperte e di ideare, raffinare, proporre e valutare risposte esplicative. La filosofia può essere estremamente utile poiché, intesa come progetto concettuale,  forgia e perfeziona le nuove idee, teorie, prospettive e, più in generale, la struttura intellettuale applicata per comprendere e affrontare le domande che ci sfidano”.

L’impegno di Enzo Argante con Nuvoleverde

Nuvolaverde Institute promuove un luogo digitale e multidimensionale per approfondire il tema della responsabilità sociale e della sostenibilità dal punto di vista dell’informazione e della comunicazione e più in generale della gestione della conoscenza alla luce del cambiamento scandito dalla trasformazione digitale. L’obiettivo è diventare riferimento nell’esplorazione di nuove forme di comunicazione superando le tradizionali classificazioni per proporre criteri che valorizzino l’originalità mediale, l’incisività, l’intelligenza, la strategia, i valori espressi, la multidimensionalità della narrazione”.

Ai discenti abbiamo chiesto di produrre una tesina video, in un tempo testimonianza e commento all’esperienza Mixed Information Design.

Nuvolaverde è al lavoro sui nuovi mentoring program: Digital Humanities Design, Green&Blue, Transition Design.

Trending

01:16:42

Fabrica Floridi, Ep. 7 – No Neet

Nuovo appuntamento con Fabrica Floridi, il web show condotto dal filosofo Luciano Floridi. In streaming la nuova puntata con il cardinale Matteo Maria Zuppi e Barbara Lucini di Generali Italia.
00:27:19

Siamo Jedi – AI da turista

Turismo, intelligenza artificiale, burocrazia inquinante. Rivoluzione comunicazione con il digitale e la rubrica 100% Hack a cura di Fondazione Margherita Hack.

Banksy a Parma in Mixed Reality e la Digital Humanities di Nuvolaverde

Banksy come non l’avete mai visto, aumentato grazie al visore Microsoft HoloLens 2: ovvero la ‘magia’ della mixed reality di Hevolus grazie a Microsoft a Palazzo Tarasconi a Parma. Il 17 gennaio iniziativa di esordio del mentoring program Digital Humanities Design organizzato da Nuvolaverde. Sarà proprio Palazzo Tarasconi la sede ufficiale della piattaforma.
01:00:12

Banksy in Mixed Reality e il lancio del mentoring program in Digital Humanities Design

Le opere d’arte dello street artist visibili in Mixed Reality, attraverso un robot avatar che consente di entrare nella galleria anche a chi non può essere lì fisicamente e il lancio del mentoring program in Digital Humanities Design a Palazzo Tarasconi.

Articoli Simili